Navigate / search

La Gestalt… al mare!

Seminario di supervisione e aggiornamento professionale

Condotto da

ANNA R. RAVENNA

Gallipoli, dal 2 (ore 9,00) al 6 (ore 14,00) Settembre 2019

Leggi tutto

Supervisione con Anna Ravenna

Calendario 2019

Sede Piazzale Medaglie d’oro 20, sc B int. 21

Partecipazione saltuaria al gruppo 50 € (la prenotazione deve essere fatta una settimana prima dell’incontro all’indirizzo e-mail della dott.ssa Ravenna: annaravenna1944@libero.it.)

pacchetto 10 incontri 375€  (la prenotazione va fatta telefonicamente o per e-mail per un lavoro)

MARATONA di supervisione a Gallipoli

dal 26 agosto (ore 9,00) al 30 agosto (ore 14,00) 2019

480€ + IVA

comprensive di sistemazione in camera singola o doppia a seconda della disponibilità
20%di sconto per allievi IGF

Leggi tutto

Supervisione e benessere

1992-2009 I NUOVI BISOGNI: 
IL SAIFIP E I SUOI INTERLOCUTORI

VI CONVEGNO S.A.I.F.I.P. 6 NOVEMBRE 2009

di Anna R. Ravenna 

Pubblicato sul numero 14 di Formazione IN Psicoterapia, Counselling, Fenomenologia

La formazione dello psicologo/psicoterapeuta si fonda su tre fattori essenziali: l’apprendimento teorico, il processo di formazione personale e la supervisione. Il modo di combinare tra loro questi fattori porta a differenziare due modalità formative diverse, da una parte quella esperienziale (s’impara intraprendendo un percorso di terapia personale e sperimentandosi nell’offrire sostegno prima ai colleghi della formazione e poi alle persone che lo richiedono mentre si è seguiti in supervisione); dall’altra l’ apprendimento teorico, intellettuale o discorsivo, fondato sul leggere, studiare, riflettere e confrontarsi su temi quali diagnosi, modalità di intervento, fondamenti della relazione psicologico-psicoterapeutica e così via.
Leggi tutto

La supervisione nella Psicoterapia della Gestalt

28/05/2012 – La formazione dello psicologo/psicoterapeuta si fonda su tre fattori essenziali: l’apprendimento teorico, il processo di formazione personale e la supervisione.
Il modo di combinare tra loro questi fattori porta a differenziare due modalità formative diverse, da una parte quella esperienziale (s’impara intraprendendo un percorso di terapia personale e sperimentandosi nell’offrire sostegno prima ai colleghi della formazione e poi alle persone che lo richiedono mentre si è seguiti in supervisione); dall’altra l’apprendimento teorico, intellettuale o discorsivo, fondato sul leggere, studiare, riflettere e confrontarsi su temi quali diagnosi, modalità di intervento, fondamenti della relazione psicologico-psicoterapeutica e così via.