INSIEME A QUESTO SOPRA NELLA THANKYOU PAGE

Navigate / search

“HERMES” arriva in Mugello

hermes mugello

È attivo il servizio di psicoterapia a costi sociali

Dopo Firenze, Scandicci, Sesto Fiorentino e Calenzano, anche in Mugello prende il via il progetto “Hermes” che offre percorsi di psicologia e psicoterapia, aperti a tutti e con tariffe a seconda della propria situazione reddituale.

La volontà di garantire un appoggio psicologico, competente e professionale, a costi sociali nasce dal confronto e dalla collaborazione tra Istituto Gestalt Firenze e le Cooperative Sociali Il Cenacolo e ConVoi che con “Hermes” vanno a promuovere concretamente l’idea che il supporto psicologico possa migliorare la qualità della vita delle persone e che pertanto debba essere il più possibile accessibile a tutta la popolazione. Leggi tutto

INformazione numero 26

INformazione_26_Cover

È uscito il nuovo numero di Formazione IN Psicoterapia, Counselling, Fenomenologia.

Il Numero 26

Editoriale

Babele!
Con questo titolo si avvia un’altra nuova stagione editoriale per INformazione e per l’Istituto Gestalt Firenze, con l’intento di aprire le pubblicazioni a contributi di respiro più manifestamente internazionali. Babele sarà infatti, oltre che una nuova rubrica fissa sulla rivista che ospiterà contributi in lingua italiana ma ispirati da esperienze di Gestalt e confronti con quelli di altre culture, un’interfaccia multilingue sul sito internet dell’Istituto. L’indirizzo fenomenologico esistenziale in sostanza prende il largo oltre i confini d’Italia e già da questo numero potrà contare su diversi contributi d’autore.
Si parte come di consueto con un articolo di Paolo Quattrini (potremmo definirlo ormai un vero e proprio editoriale) su Gestalt e Buddhismo. Il viaggio, che sembra quasi già un ritorno alle origini, toccherà le terre medio orientali con Valentina Barlacchi, ci traghetterà nel continente sudamericano con Alessandra Petrone e terminerà nelle terre di confine di un approccio transculturale con Lilla Turco.
Nella seconda parte di questo numero, chiuse le porte di Babele, ci inoltreremo come da tradizione su temi più marcatamente clinici, come quelli affrontati da Anna Ravenna sugli “uditori di voci”, i problemi alcoolcorrelati grazie a Benedetti/Londi/Colzi/Fanucchi/Magri/Patussi e il trattamento dell’autismo con Francesca M. Ferraro.

Buona lettura!

 

NB Per leggerlo integralmente (e scaricarlo) basta essere registrati e “loggati”, cosa che può essere fatta qui

La Redazione

La Pratica Filosofica

di G. Paolo Quattrini

Pubblicato sul Numero 21 di INformazione

Lungimiranza e valore: al di là dei confini dell’io, l’esperienza della qualità.

 

Filosofia è scienza della saggezza, conoscenza concettuale di qualcosa che concettuale non è: la saggezza è figlia dell’esperienza, e nell’esperienza la saggezza si articola attraverso il valore. Per secoli la domanda sull’essenza della realtà ha occupato lo spazio filosofico in tutte le sue figure, finchè Kierkgaard non affermò che questa centralità spetta alla domanda sul valore: cosa vale la pena di fare della propria vita? A questo punto si apre il discorso sulla pratica filosofica.

Leggi tutto

Kaos e complessità, elementi fondanti in ambito psicoterapeutico

di Silvana Bonanni – Emilio Gattico

Università degli Studi di Bergamo

Pubblicato sul numero 16 di Formazione IN Psicoterapia, Counselling e Fenomenologia

In ogni caos c’è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto (Carl Gustav Jung)

Il nostro contributo, proprio a partire dal titolo “Kaos e complessità: elementi fondanti in ambito psicoterapeutico” vuole essere volutamente provocatorio, ma con l’intento di evidenziare come nel campo scientifico occorra in primo luogo liberarsi da presupposti di qualsiasi genere, in quanto tendono sovente a trasformarsi in pregiudizi. Questi ultimi poi sono non raramente assunti a guisa di principi indubitabili, quali garanti della coerenza delle conseguenze da essi dipendenti e giustificanti qualsiasi risultato.
Si è all’interno di una prospettiva radicalmente determinista, ove qualsiasi accadimento è connotato dal più rigido meccanicismo, con evidente bando di qualsiasi componente casuale o in ogni caso una loro drastica riduzione. Tutto ciò comporterà evidentemente differenti strategie discorsive a seconda degli argomenti dei quali si sarà chiamati a trattare e che daranno vita a differenti organizzazioni del discorso o, come preferiamo dire, schematizzazioni discorsive.
Leggi tutto

Meccanismi di difesa e resistenze al contatto

di Sergio Mazzei

Direttore dell’Istituto Gestalt e Body Work

Pubblicato sul numero 12 di Formazione IN Psicoterapia, Counselling, Fenomenologia.

 

Nella psicoterapia della Gestalt i meccanismi di difesa vengono chiamati “resistenze” e la domanda quindi è: da cosa ci si difende, da cosa si resiste?

Le difese vengono utilizzate quando c’è paura, quando c’è troppa angoscia e ci si sente in pericolo. Si sente, più o meno consciamente, che ci si deve trattenere dal fare qualcosa o dall’essere e dal manifestarsi in un qualche modo, principalmente davanti a qualcuno ma anche con se stessi. La resistenza infatti si applica nel contatto interpersonale, nell’incontro Io-Tu, ma anche nella relazione intrapsichica tra me e me stesso, quando per esempio evito di prendere consapevolezza di aspetti della mia esperienza di cui ho timore. Avere una resistenza implica la presenza di un Io che sceglie o aspira ad essere in un qualche modo e che evita, rifiuta di essere in qualche altro. Nella sua modalità di resistenza specifica la funzione “Io” applica nel ciclo del contatto principalmente l’introiezione (devo …, non devo …) e la proiezione (andrà male… sarò punito …) per interrompersi.

Leggi tutto

“La Formazione in Psicoterapia” – A cura di Alberto Zucconi

Schermata 2013-10-29 alle 14.44.49

Quale scuola scegliere dopo la laurea?

È uscito il libro “La Formazione in psicoterapia” a cura di Alberto Zucconi edito da Alpes sulla scelta della formazione post-lauream per psicologi. Tra le varie opportunità di specializzazione prese in rassegna, segnaliamo anche il corso quadriennale dell’Istituto Gestalt Firenze.

Buona consultazione!