Navigate / search

MEDITAZIONE IN MOVIMENTO/ A partire da qui

16 aprile 2020 – ore 18.00

con Shobha Arturi – medico, psicoterapeuta della Gestalt

Invitiamo il movimento a partire da qui, da quello che è il nostro mondo interno. Con delicatezza e attenzione diamo forma nel corpo a ciò che sentiamo seguendo il nostro ritmo e la musica, lasciamo che diventi una danza che apra orizzonti imprevisti e vasti.

 

 

 

L’incontro è gratuito e utilizzerà la piattaforma ZOOM.

Chi vuole partecipare, può prenotarsi scrivendo a segreteriagestaltfirenze@gmail.com e ricevere le credenziali di accesso per il collegamento.

CONVERSAZIONI SULL’INVISIBILE/ L’attenzione tra il fare e il non fare

15 aprile 2020 – ore 18.00

con Paolo Quattrini – direttore scientifico Istituto Gestalt Firenze e Jorge Villalonga – direttore Escuela Gestalt de Bogotà

Molto spesso l’attenzione viene confusa con una sorta di sforzo muscolare. Quando si dice agli allievi: “Ora state attenti”, li si vede corrugare le sopracciglia, trattenere il respiro, contrarre i muscoli. Se qualche istante dopo si domanda loro a che cosa siano stati attenti, non sono in grado di rispondere. Non hanno fatto attenzione ad alcunché. Non hanno fatto attenzione. Hanno solo contratto i muscoli.   -Simone Weil da L’attesa di Dio

Paolo e Jorge, al di là di un oceano e sei ore di fuso, si incontrano per il piacere di dialogare sull’opportunità che, in questo momento così fuori dall’ordinario, abbiamo di intravedere e percepire l’invisibile.

La via dell’attenzione, per chi è alla ricerca di un nuovo modo di fare, di creare nella vita, con meno sforzo e più piacere e desiderio, può condurre a esplorare quella realtà parallela, oltre gli oggetti, che aleggia ovunque, vicino e in basso, anche sotto i nostri piedi se sospendiamo il pensiero, lasciandolo disponibile, vuoto e permeabile a ciò che sta per penetrarvi, come dice S. Weil.

L’incontro è gratuito e utilizzerà la piattaforma ZOOM

Chi vuole partecipare, può prenotarsi scrivendo a segreteriagestaltfirenze@gmail.com e chiedere le credenziali di accesso.

 

La registrazione dell’incontro è disponibile sul canale Youtube IGF – Clicca qui

MEDITAZIONE IN MOVIMENTO/ Respiro

9 aprile 2020 – ore 21.00

con Shobha Arturi – medico, psicoterapeuta della Gestalt

Le emozioni di questi giorni sono tante, a volte pervasive. Ci lasciano col fiato mozzo e i pensieri affastellati. In questo incontro il respiro e il movimento sono strade maestre verso vie di esplorazione e di espressione più libere e fluide. La danza apre a quello che sentiamo, il respiro la accompagna, rendendoci aperti, attenti, forti e presenti.

 

 

L’incontro è gratuito e utilizzerà la piattaforma ZOOM.

Chi vuole partecipare, può prenotarsi scrivendo a segreteriagestaltfirenze@gmail.com e ricevere le credenziali di accesso per il collegamento.

L’ELOGIO DELL’INVISIBILE/

6 Aprile 2020 – ore 18.00

con Paolo Quattrini – direttore scientifico Istituto Gestalt Firenze

Nell’infinità del mare i naviganti hanno imparato a orizzontarsi con le stelle, e la stella polare è diventata la metafora tipica del punto di riferimento: nell’infinito dell’invisibile per orizzontarsi c’è bisogno di una stella polare, una piccola luce in una posizione stabile che indica la direzione senza dover essere raggiunta. Ma se siamo nell’invisibile, da dove può venire la visibilità della stella?

Il problema più importante magari è forse come si riconosce la stella, per non finire su strade incongrue, ma questo nessuno lo sa, non c’è modo di avere sicurezza. La tradizione buddista dice: “sette strade portano in cima alla montagna, ma chi crede di essere su la strada, non è neanche sulla montagna”. Qui si consiglia in genere la strada che ha un cuore, che comunque per ognuno è una via diversa: detto in poche parole, si tratta di trovare un punto di luce che si possa amare, e si possa seguire con la forza di quell’amore. Una caratteristica dell’amore è la sua invisibilità: se ne vede gli effetti, ma l’amore non si vede veramente, piuttosto si intuisce, si sente, e questo richiede una particolare attenzione e una disponibilità ad accettare l’invisibile. Qualcosa che non si vede ma si intuisce assomiglia allo sbrilluccicare delle stelle, e l’amore si presta bene al ruolo di stella polare: importante è mantenere il contatto con il bilico fra certezza e dubbio, perché in caso contrario “non si è nemmeno sulla montagna”.

Leggi tutto

MEDITAZIONE IN MOVIMENTO/

2 aprile 2020 – ore 21.00

con Shobha Arturi – medico, psicoterapeuta della Gestalt

La possibilità di sperimentare nella danza il flusso emotivo e motorio porta a una sensazione di spaziosità e di quiete analoga a quella a cui portano le pratiche meditative: di fatto queste due strade si possono incontrare e la danza può essere un modo di fare meditazione in movimento, di coltivare la consapevolezza e l’attenzione, la quiete e il silenzio pregno che si assapora fra le note di una musica…

 

Evento in Videoconferenza.

L’incontro è gratuito e utilizzerà la piattaforma ZOOM

Chi vuole partecipare, può prenotarsi scrivendo a segreteriagestaltfirenze@gmail.com e chiedere le credenziali di accesso.

L’ESPRESSIONE COME COMPORTAMENTO

con
G. PAOLO QUATTRINI

direttore scientifico Istituto Gestalt Firenze
Tradizionalmente sono riconosciute solo due maniere di governare il mondo emotivo: o reprimere o agire. In realtà esiste uno spazio intermedio fra un’ipotesi e l’altra che è l’espressione, una modalità di azione che funziona psicologicamente e non combina guai nel mondo esterno

La partecipazione alla serata è gratuita.
Prenotazione OBBLIGATORIA.
In caso di annullamento di un incontro, potrà essere avvisato soltanto chi si è prenotato.
valentina.barlacchi@gmail.com — info@azionicontaminazioni.it

Prenotati!

 

Validazione

Qi: Energia di Vita

Con Stefano Pericoli

La Natura ci ha fornito un corpo per vivere ed esperire ma soprattutto una energia  (che gli orientali chi amano QI)che lo rende vivo, attivo, produttivo. E’ un dono che spesso non apprezziamo completamente e, considerandola predeterminata,  che ci preoccupiamo solo di mantenere . 

In questo modo guardiamo al passato affinchè si perpetui nel presente . Possiamo fare di più! Ovvero possiamo proiettarla nel futuro e , entro certi limiti , incrementarla dandole un potere creativo .

Incontro gratuito, prenotazione obbligatoria

Prenotati!

 

Validazione

 

 

ESPERIENZE PRATICHE DI GESTALT

Ogni mercoledì dalle 18 alle 20 si tengono incontri con Psicoterapeuti della Gestalt che offrono occasioni di confronto e di esperienze sul modello della Gestalt a orientamento fenomenologico esistenziale

      • 25 Settembre con Emanuela Tundo
        “La PTG nella pratica professionale”
      • 2 Ottobre con Valentina Barlacchi, Shobha Arturi
        “Il ciclo del contatto-Sentire, Pensare e Agire per scelte consapevoli”
      • 9 Ottobre con Silvio Oliva e Alessandro Cini
        “Specializzazione in psicoterapia della Gestalt
        Tra percorso di formazione, visione del mondo e filosofia di vita”
      • 16 Ottobre con Lara Casamassa e Daniele Benedetti
        “Così vicini così lontani: Abitare la distanza nella relazione con l’altro”
      • 30 Ottobre con Mario D’Avino
        “Teatro e Gestalt”
      • 6 Novembre con Luca Petrini
        “Dalla vergogna alla fobia sociale: possibili varchi tra il sintomo e il mondo interno”
      • 20 Novembre con Renato Berti
        “Il sogno: specchio emotivo del bambino”
      • 27 Novembre con Barbara Tinti
        “Nuovi mondi possibili – tra creatività e responsabilità”
      • 11 Dicembre con Valentina Barlacchi
        “La Gestalt e il Dia-logo Io-Tu: il pozzo dei desideri”

Prenotati!

 

Validazione

COS’È LA BIOENERGETICA

PIÙ IL CORPO È VIVO, PIÙ GRANDE È L’ESSERE

con Marialisa Pinori

psicologa, psicoterapeuta della Gestalt

Il lavoro bioenergetico sul corpo riconduce la persona agli elementi fondamentali della vita: alla respirazione, al movimento, al sentire e all’espressione

Viviamo in una società sempre più mentalizzata, dove c’è troppo fare e poco sentire.

Secondo la bioenergetica il corpo e la mente funzionano allo stesso modo, cioè quello che succede in uno riflette ciò che succede nell’altra e viceversa.

Esistono delle funzioni basilari della vita: la respirazione, il metabolismo e la scarica di energia attraverso il movimento determinano il nostro stato di vitalità. Ogni volta che inibiamo e blocchiamo l’espressione delle nostre emozioni, nel corpo si produce uno stato di tensione che a volte scompare quando lo stress è eliminato; altre volte però questa condizione perdura nel tempo e le tensioni croniche tendono a persistere anche dopo la scomparsa dello stress sotto forma di assetto muscolare o atteggiamento corporeo inconscio: L’ESPRESSIONE FISICA RISULTA INGABBIATA DA UN’ARMATURA MUSCOLARE E CARATTERIALE CHE CONDIZIONERÀ REAZIONI E COMPORTAMENTI.

Per riacquistare vitalità è necessario quindi alleggerire la tensione cronica e prendere coscienza delle emozioni trattenute, imparando a rilasciarle e a padroneggiarle.

La partecipazione alla serata è gratuita, la prenotazione è obbligatoria

349.2394661 – valentina.barlacchi@gmail.com

30 Settembre 2019

Lunedì ore 21.00 – 23.00

Fondo Arti e Gestalt

Via del Guarlone 67/A – Firenze

Prenotati!

 

Validazione

Dai sintomi alle sintesi: il lavoro gestaltico dal piano psichico al piano fisico

23 SETTEMBRE

Paolo Quattrini -Psicoterapeuta, Direttore scientifico IGF

Dalle ore 20 alle 22

Problema centrale della psicoterapia è sempre la connessione fra il piano psichico e quello fisico dell’organismo, e scuole diverse hanno punti di vista differenti a questo proposito. Freud propose l’idea della conversione isterica, intendendo con questo una relazione a mediazione simbolica fra avvenimenti psichici e correlazioni corporee: in questa ottica si può pensare che l’ulcera possa derivare da un bisogno di cure materne simbolizzate nel cibo e scaricate sul piano fisico in una sofferenza dell’apparato digerente. Reich considerava invece la contrazione fisica come una “corazza”, una difesa muscolare dagli avvenimenti esterni: contrendosi il corpo ammortizza gli urti della vita, ma evidentemente lo stato di contrazione rende difficile la vita quotidiana, che ha forma di flusso e che si ferma sugli ostacoli.

L’interruzione di questo fluire comporta una perdita di trasmissione del sostegno fra un evento interno e l’altro, e sposta la vita psichica dal sentire al pensare.

Il punto di intersezione tra il piano psichico e fisico è l’emozione, una realtà che è di ordine psichico in quanto “legge” il mondo intorno e informa l’organismo su quello che serve alla sopravvivenza, ed è anche di ordine fisico perché spinge il corpo all’azione in modo difficilmente contenibile

L’approccio gestaltico si fonda sulla differenza fra blocco e flusso: utilizza un lavoro “nel corpo”, l’ascolto sensoriale degli eventi intrapsichici su cui intervenire con il libero arbitrio, che sposta le correnti interne verso mete scelte consapevolmente.

INCONTRO GRATUITO PREVIA PRENOTAZIONE

Prenotati!

 

Validazione