INSIEME A QUESTO SOPRA NELLA THANKYOU PAGE

Navigate / search

INformazione Numero 25

INformazione_25_Cover

È uscito il nuovo numero di Formazione IN Psicoterapia.Counselling, Fenomenologia, il Numero 25!

Editoriale

Esperienze.
Come di consueto ormai, anche il Numero 25 si apre con un articolo di Paolo Quattrini. Il tema questa volta sono le dinamiche di gruppo e l’argomento non è scelto a caso. Quasi tutti i contenuti successivi infatti avranno, o in figura o come sfondo, il gruppo come elemento contestuale delle esperienze raccontate.
In questo numero tuttavia, abbiamo cercato di coagulare, a differenza del precedente che aveva come caratteristica preminente la logica descrittiva sia nel linguaggio che nei contenuti, contributi che avessero un respiro maggiormente evocativo ed esperienziale. Seguendo questo filo il lettore avrà modo di danzare il corpo con Valentina Longhi e navigare nelle tormentate acque dell’aggressività con Giovanni Ruggiero; affrontare il peso della cura dei richiedenti protezione internazionale con Gatta/Castaldo/Franco/D’Arca e sostenere i percorsi riabilitativi della tossicodipendenza con Marco Mazza; ancora, cercare il proprio suono dell’anima con Fabio Specchiulli, lasciarsi andare alla perdita di un caro amico come il cane con Silvia Polizzi Andreeff per ritrovarsi, infine, nel lungo cammino di Santiago con Pierangela Vallese. Un viaggio, insomma. Per brevi e intense tappe che, speriamo, possano arricchire il vostro panorama esistenziale almeno un pò.
Come sempre, buona lettura!

La Redazione

NB Per leggerlo integralmente (e scaricarlo) basta essere registrati e “loggati”, cosa che può essere fatta qui

Pedagogia umanistica

Un’educazione nè repressiva nè permissiva, ma centrata sul discente. 

di G. Paolo Quattrini

Come ormai quasi tutti ammettono, l’uomo fa parte di quel complesso fenomeno che è la vita sulla terra, ed è per quanto ne sappiamo l’ultimo gradino delle forme in cui essa si è presentata attraverso la lunga storia dell’evoluzione. I gradini dell’evoluzione, proprio come quelli di una scala, si appoggiano uno sull’altro: il piano organico è appoggiato su quello inorganico, cioè “vive” per mezzo di processi chimici, e la vita animale si appoggia alla vita vegetale con quella parte dell’organismo che si chiama sistema neurovegetativo e che si occupa delle operazioni metaboliche, le quali permettono appunto di rimanere in vita. Leggi tutto